La BMW E36 di Mitch Davis rappresenta uno strano connubio tra estetica e motorsport: da un lato le ruote con il dado centrale richiamano la grande stagione del Superturismo della metà degli anni 90. Dall’ altra, l’abbassamento estremo è proprio di un certo modo di intendere il tuning agli inizi di questo secolo.

14564894_444966215678511_3812005211476590592_n-696x590

In mezzo un kit TAROX con pinze a 6 pistoni, progettato proprio a metà degli anni 90 quando al BMW E36 era al picco della sua popolarità. E nonostante il kit abbia passato la ventina progettualmente parlando, chiunque ne possieda uno sa che puo’ contare su una gamma completa di ricambi in modo che possa continuare a goderne le prestazioni senza alcun problema di reperibilità.

14726299_1780100248899771_2052661528997396480_n-696x696

La lista delle modifiche continua il mix tra estetica e racing: paraurti AC Schnitzer e i sedili mutuati dalla M3 della stessa serie al motore preparato su cui svetta un collettore di aspirazione M50.

10296588_619983411476348_1715141872_n12256595_1702571499972401_1346300503_n12627848_515087025337835_1431963860_n-2

E se si può discutere sugli aspetti estetici una cosa è certa: la BMW di Mitch va – e frena – alla grande !